Come progettare la scala della nostra abitazione? Leggi i nostri utili consigli!

Come progettare la scala della nostra abitazione? Leggi i nostri utili consigli!

Per poter progettare e realizzare una scala interna per la nostra abitazione occorre tener conto di diversi aspetti: in primis normativi, poi ergonomici, strutturali e di sicurezza ed infine estetici.

Per una corretta realizzazione è consigliabile affidarsi alle competenze di un tecnico che farà riferimento ai Regolamenti Edilizi Comunali, per la parte normativa e terrà conto di opportuni criteri di progettazione, tenendo sotto controllo soprattutto l’aspetto strutturale.

Quando si progetta una scala è necessario calcolare lo spazio e l’altezza che si hanno a disposizione.
Un altro parametro di cui tener conto è la pendenza della rampa in genere compresa tra i 20° e i 45°, dove di solito sono tanto più ripide, quanto il loro uso è privato.

Affinché il corpo scala sia confortevole è necessario stabilire un giusto rapporto tra alzata e pedata.

L'alzata in genere è compresa tra i 15 e i 20 cm mentre la pedata viene calcolata tramite relazioni empiriche basate sul lavoro svolto dall'utente nell'affrontare il dislivello.

Infatti al variare della pendenza, l'utente tende a modificare la lunghezza del passo in modo tale che il lavoro svolto per superare un gradino sia uguale al lavoro svolto per compiere lo stesso passo su un piano. Questo comporta che l'aumento della pedata corrisponde ad una riduzione dell'alzata e viceversa.

Ad oggi la formula più usata è quella dell'architetto François Blondel del 1675.

Secondo gli studi dell’architetto francese lo sforzo compiuto nell'elevare il piede verticalmente è doppio rispetto a quello di spostarlo orizzontalmente in piano; posta una lunghezza di circa 64 cm per un passo comodo in piano, se ne deduce che la profondità della pedata del gradino deve essere il risultato della

sottrazione a detta lunghezza del doppio del valore dell'alzata, ovvero:

2a + p = 62÷64 cm.

dove a è il valore dell'alzata e p il valore della pedata.

Riportiamo un breve esempio. Per coprire 270 cm di altezza con un'alzata di 17 cm si osserva questo calcolo, secondo quanto accennato nel passo precedente, per stabilire il numero di gradini: 270/18=15 gradini. Moltiplicando il numero dei gradini per i 28 cm della pedata si ottiene la pianta della scala:

15x28=420 cm.

Per scale che presentano il corrimano, le norme di sicurezza stabiliscono che esso debba avere un'altezza tra i 90 cm e 1 m e distare almeno 4 cm dal muro.

Il parapetto posto sul vuoto deve avere un'altezza minima di 1 m ed essere inattraversabile da una sfera del diametro di 10 cm (DM. 236 14/06/89). È comunemente accettato che le aste debbano essere verticali e non orizzontali per evitare il pericolosissimo "effetto scaletta".

Quali sono le tipologie di scale?

Dopo aver visto le regole per una corretta progettazione, possiamo procedere col conoscere le tipologie di scale esistenti.

Scala a rampa La più utilizzata perché più comoda. Composta da due rampe parallele ad angolo, e un pianerottolo intermedio.

Molto spesso, le due rampe sono collegate da gradini disposti a ventaglio, per sfruttare al meglio lo spazio.

A chiocciola Adatta per spazi piccoli, perché la superficie occupata è solo la dimensione del suo diametro. Può essere a pianta circolare, quadrata o ellittica. I gradini si agganciano a una struttura portante, detta spina o piantone, fissata a terra e a soffitto.

Alla marinara o a pedata sfalsata Composta da due montanti e dai gradini a pioli o da pedate strette. Collegano soppalchi e librerie. Ma si presentano scomode e difficilmente vengono pensate per essere utilizzate tra due piani. Presentano molto spesso un’alzata che si aggira intorno ai 20 cm, quindi la scala risulta un po’ ripida e pericolosa.

In sostanza, una scala a pedata sfalsata viene suddivisa in due rampe affiancate e, appunto, sfalsate, ognuna delle quali verrà impegnata necessariamente sempre e solo dallo stesso piede, destro o sinistro. Il percorso risulta, quindi, costituito da una

successione di gradini che si devono calpestare in modo

alternato secondo un ordine preciso

Retrattile Si ripiega su se stessa e si inserisce in una vano che la contiene. Può essere in alluminio o acciaio, materiali leggeri. Va bene per raggiungere ambienti poco utilizzati e scompare quando non serve.

Devi realizzare o rivestire una scala?
Stai valutando soluzioni per la tua scala? Contattaci al numero 0776.301133-300759, riceverai consigli e soluzioni, avendo la possibilità di conoscere i costi e i tempi di realizzazione. Realizziamo scale in marmo, pietre, travertino e granito per interni e per esterni. Offriamo servizio di progettazione, supportando il cliente nella scelta del materiale, delle finiture e dei diversi profili possibili, garantiamo anche il servizio di presa misure con restituzione grafica del progetto finale. MAPIER® opera in tutto il mondo fornendo soluzioni di lusso per interni ed esterni, dall’ideazione alla posa in opera. MAPIER® progetta e crea per te realizzazioni uniche dal design raffinato.